Pubblicato: venerdì, 15 luglio 2016

La Fine dei Tempi è qui: la Russia vieta l’Evangelizzazione e la Cina abbatte 1000 Croci

Condividi
The Most Important News – Abbiamo sempre saputo che il momento stava per arrivare. Per anni, l’orribile persecuzione dei Cristiani in Medio Oriente ha fatto notizia in tutto il mondo: ora, assistiamo a esempi di persecuzione che sono molto preoccupanti, in quanto sono letteralmente sanciti dai governi di tutto il pianeta.

Come leggerete di seguito, la Russia ha proprio vietato virtualmente tutti i tipi di evangelizzazione al di fuori di una chiesa o di un sito religioso. E la Cina sta abbattendo migliaia di croci e demolendo decine di chiese in un rinnovato giro di vite sulla crescita del Cristianesimo in quella nazione.

Nel complesso, secondo una recente relazione, ci sono 53 paesi che attualmente hanno leggi che limitano la fede cristiana. Quando pensiamo di svegliarci e di renderci conto di quanto stia per accadere? Quando ho sentito parlare della nuova legge appena approvata in Russia, sono rimasto assolutamente sbalordito. Sono stato a Mosca pochi anni dopo la caduta del muro di Berlino e la gente era molto ansiosa di conoscere la fede cristiana; fede che è stata brutalmente repressa dal regime sovietico per decenni.

Purtroppo, la Russia ha deciso di tornare ai vecchi metodi sovietici (non se ne sono mai distaccati!, ndt). Questa nuova legge che Vladimir Putin ha voluto con tutto se stesso, rappresenta quasi un divieto completo e totale sulla condivisione del Vangelo

La legge, che entrerà in vigore il 20 luglio 2016, vieterà l’evangelizzazione ovunque al di fuori di una chiesa o di un sito religioso – comprese le abitazioni private e on-line – e quelli che violeranno tale decisione, saranno multati (per il momento: poi, gulag per tutti. Nel 1917, la questione iniziò allo stesso modo, ndt). Solo determinati membri di organizzazioni religiose (ortodosso-sioniste, per caso?, ndt) saranno in grado di poter condividere la loro fede: perfino anche la sola testimonianza informale tra gli individui è proibita.

Secondo il New York Times, tale divieto comprende anche la “predicazione e la preghiera” che verranno fatte al di fuori dei confini delle istituzioni religiose “ufficialmente riconosciute“.

Negli ultimi anni, ho difeso la Russia in molti dei miei articoli. Ma ciò, è indifendibile. Tale nuova legge (nuova, si fa per dire; in quanto sono leggi repressive già sperimentate al fine della persecuzione dei Cristiani, ndt), è la cosa peggiore che la Russia ha fatto dopo il crollo dell’Unione Sovietica e dovrebbero assolutamente vergognarsi di se stessi.

Nel frattempo, i funzionari del governo in Cina hanno lanciato un ben rinnovato giro di vite sui Cristiani, poiché la chiesa sotterranea continua a crescere e ad espandersi a macchia d’olio. Secondo alcuni rapporti, negli ultimi mesi, il governo ha abbattuto più di 2.000 croci nella sola provincia di Zhejiang

Ora, più di duemila croci sono state rimosse a forza dalle chiese, come parte di una campagna governativa che vuol regolare gli “eccessivi siti religiosi“. Quasi due anni fa, la leadership della nazione ha lanciato una crociata per sradicare il Cristianesimo nella provincia costiera di Zhejiang. Da allora, diversi membri del pubblico  sono stati arrestati per aver tentato di fermare il rozzo tentativo del governo al fine di sopprimere la fede Cristiana.

Ma spesso i funzionari governativi non si fermano qui, decidendo di abbattere un’intera chiesa. Infatti, dall’inizio di quest’anno, almeno 49 chiese sono state distrutte nella provincia di Zhejiang. Proprio di recente, un gruppo di fedeli ha sfidato il governo, ritornando alla loro chiesa distrutta per tenere un servizio di culto…

I fedeli Cristiani si riuniscono per il culto tra le rovine della loro chiesa demolita, sfidando il governo cinese di direzione anticristiana comunista. I congreganti di WenzhouCina – provincia di Zhejiang – conducono un servizio di preghiera nonostante l’edificio della chiesa sia stato demolito dai funzionari del governo.

La Chiesa di Zhuyang – una chiesa sanzionata dal governo – è stata una demolizione iniziale di chiese senza precedenti. Il 20 maggio, la chiesa è stata demolita da circa 100 funzionari di governo che hanno avuto l’autorizzazione del governo allo scopo di agire. Un membro della chiesa dichiara che l’unica ragione per cui un funzionario potrebbe demolire la chiesa, è che questa possa “trasformarsi  in un villaggio nella città“.

Ma anche le chiese rimaste ancora in piedi nella provincia di Zhejiang stanno sentendo il dolore della repressione. Secondo China Aid, c’è una nuova legge che sta costringendo molte chiese “a consegnare tutte le loro decime e donazioni alle autorità statali“…

Il governo comunista della Cina in provincia di Zhejiang vuol far rispettare una nuova legge che impone alle numerose chiese di consegnare tutte le loro decime e donazioni alle autorità statali. Secondo un’organizzazione no-profit cristiana dedicata al servizio della Chiesa perseguitata in Cina, i funzionari di Pingyang a Wenzhou stanno convincendo i membri allo scopo di consegnare tutti i redditi delle loro chiese alle autorità statali. “I funzionari del governo interferiranno con gli affari della Chiesa, gestendo le nostre donazioni e alcuni progetti su larga scala“, dice una fonte su China Aid.

Per tanto tempo, la maggior parte degli americani hanno considerato il governo cinese come un amico (sic!). Ma questo non è affatto vero. I comunisti cinesi sono in un sistema corrotto, un regime malvagio che è sempre stato profondamente anticristiano (vale per il comunismo cinese come per altri, poiché è un sistema ideologico-dottrinale univoco, ndt). Chiunque lo ritenga essere altrimenti è stato semplicemente illuso.

Nel frattempo, la persecuzione dei Cristiani continua ad intensificarsi in molte parti dell’Africa. Proprio di recente, una madre di sette figli è stata “condannata a morte” dai radicali islamici (islamici coranici o islamici talmudisti?, ndt) in Nigeria per aver predicato apertamente il vangelo di Gesù Cristo…

Una madre cristiana di sette figli è stata condannata a morte da presunti radicali musulmani in Nigeria e il suo corpo mutilato è stato scoperto in una pozza di sangue con in mano una Bibbia e megafono che usava per predicare ogni mattina. Secondo i rapporti locali, Eunice Olawale, 41 anni, un pastore presso la Chiesa Cristiana Redenta della Nigeria ed evangelista, è stata assassinata nelle prime ore del mattino di sabato, mentre ella era fuori per evangelizzare vicino alla capitale della Nigeria di Abuja. Il marito della Olawale, Olawale Eliseo, ha detto ai media locali che la moglie aveva lasciato la loro casa intorno alle 05:00 di sabato mattina per predicare nel quartiere, per non fare più ritorno  a casa.

Fin dal primo secolo, i Cristiani sono stati martirizzati per predicare pubblicamente il Vangelo e siamo stati avvertiti che questo tipo di terribile persecuzione stava per arrivare negli Ultimi Giorni.

Naturalmente i Cristiani in Medio Oriente non sentono esattamente il bisogno di conoscere “la venuta della persecuzione” perché l’hanno vissuta per molti anni. I Cristiani vengono torturati, decapitati e crocifissi da gruppi terroristici radicali quali l’ISIS (organizzazione sionista?, ndt) e in altre zone del Medio Oriente stanno imponendo la persecuzione a livello nazionale da parte dei governi. Per esempio, è sufficiente osservare ciò che sta accadendo in questo momento in Pakistan

“Il governo del Pakistan ha annunciato l’intenzione di forzare l’Islam sui giovani rendendo obbligatorio lo studio coranico (o talmudista?, ndt) in tutte le scuole e collegi universitari, il quale che è contrario alla costituzione del paese ed al precetto islamico in cui non ci dovrebbe essere costrizione nella religione. Questa è l’ultima escalation discriminatoria del paese nei confronti dei Cristiani, delle altre fedi minoritarie e dei non credenti”, ha detto Peter Tatchell, direttore dell’organizzazione per i diritti umani, la Fondazione Tatchell Pietro.

“I Cristiani pakistani, compresi i bambini, sono a rischio di sequestro di persona, di matrimonio forzato e della costrizione alla conversione religiosa all’Islam. Alcuni sono anche vittime di blasfemia, che portano alla pena di morte. Ci sono regolari aggressioni violente sulle famiglie cristiane, sulle case, sui negozi e sulle chiese.

La persecuzione della Fine dei Tempi è qui.

In tutto il pianeta, la fede cristiana è sotto attacco. Nel mondo occidentale, non potremo affrontare ancora per molto la persecuzione violenta, poichè la nostra fede viene inesorabilmente derisa, ridicolizzata e demonizzata: in televisione, nei film e su Internet. Le leggi che sono anti-cristiane nel tono e nella sostanza, passano regolarmente e molti dei nostri migliori uomini politici non fanno nemmeno più finta di essere onesti con noi.

Proprio come in gran parte del resto del mondo, stiamo iniziando a scoprire che c’è un prezzo da pagare per seguire Gesù Cristo.

In Matteo 16, Gesù dice che se qualcuno avrebbe scelto di seguirlo, quell’individuo “rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua“.

Siete pronti a prendere la vostra croce?

La persecuzione dei cristiani è destinata soa peggiorare negli anni a venire e – al fine di fare attraverso ciò che sta arrivando – dobbiamo essere pronti a rinunciare a tutto per Lui.

Dunque, grande attenzione alla Russia! Per ciò che è stata, per ciò che è, per ciò che sarà (ndt).

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Please insert the signs in the image:

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Videos

Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: