Pubblicato: mercoledì, 9 marzo 2016

Nuovo Disordine Sociale: I Confini del Grande Inganno

Condividi

Patrizia Arcana presenta la nuova opera saggistica:

Nuovo Disordine Sociale: I Confini del Grande Inganno, Vol.1 

Un numero sempre più crescente di persone sta diventando consapevole che nei vari governi del mondo stia accadendo qualcosa di insolito. Sembra che in ogni angolo del globo succedano le stesse cose, che i governi operino varando le stesse leggi, che si prendano decisioni parallele agli altri continenti. La sensazione che i governanti di ogni singolo Paese non abbia il pieno controllo sulle questioni politiche e economiche si percepisce in modo inequivocabile. Un viaggio suggestivo attraverso la storia che inizia da un oscuro passato ed arriva al tempo presente.

REVIEW: “Nuovo Disordine Sociale è una grande opera storica e filosofica, ma soprattutto un’inquietante cronaca del mondo moderno.
Il libro è il frutto di una meticolosa ricerca ed offre una visione del presente che a molti sfugge, uno spaccato di una realtà che esiste e controlla le nostre vite come in una sorta di matrix. Le élite lavorano da secoli ed è questo il loro vantaggio su di noi, poiché hanno una visione che attraversa i secoli. La nostra, invece, non va più in là di qualche anno. È consigliata la lettura a coloro che non si accontentano più della realtà raccontata dai media, ma che piuttosto desiderano aprire la mente e gli occhi per comprendere cosa stiamo vivendo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Uscita prevista: 15/03/2016 – Formato Kindle e cartaceo su Amazon e in tutte le migliori librerie

Distribuzione mondiale
Libreria Universitaria
Unilibro

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Please insert the signs in the image:

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Videos

Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: