Pubblicato: mercoledì, 18 Dicembre 2013

Il Verde è il nuovo Rosso. Stop al Comunismo dietro al falso Velo ambientalista

Condividi

Il nuovo comunismo si cela dietro al velo color verde. Li potremo riconoscere come ambientalisti, animalisti, vegani, ecologisti, progressisti, conservatori, eco-marxisti, neo-cabalisti o eco-fanatici.Green-Dot-Scam Di esempi, in Italia, ne abbiamo parecchi: basta osservarli durante le loro utopistiche declaratorie marxiste, quando parleranno di uguaglianza e/o sostenibilità.

Tutti sostengono di voler “salvare il mondo” dal riscaldamento globale, di sostenere un’improbabile uguaglianza, di appoggiare la sostenibilità ed altre simili sciocchezze, ma la vera agenda è contribuire alla creazione di vantaggi esclusivi per il governo mondiale delle Nazioni Unite o – in altri modi – aumentando il trasferimento di risorse (ridistribuzione di risorse) dal mondo occidentale sviluppato al “terzo mondo” (termine improprio per tutta una serie di motivi).

Questi esseri striscianti, sperano di raggiungere questo risultato attraverso la distribuzione della disinformazione (propaganda) che germoglierà quanto prima, portando uno spaventoso aumento della tassazione degli europei e dei cittadini statunitensi già eccessivamente tassati.

L’agenda neo-comunista usa la scienza politicizzata per propagare la truffa del riscaldamento globale et similia, al fine di attuare il loro reale ordine del giorno: il marxismo globale. Obiettivo finale del marxismo, è quello di ridistribuire la ricchezza dalle nazioni di successo alle nazioni fallite, invece di cercar di sistemarle e correggerle.

La scienza politicizzata (non si chiamano a caso “scienze politiche“) viene utilizzata dall’egemonia culturale marxista per manipolare al meglio le masse ignare. Stanno usando la fiducia delle persone e la loro fede nella scienza per diffondere menzogne ​​ed isterie che permetteranno ai marxisti di implementare le “soluzioni” socialiste ad un problema che – in realtà – non è mai esistito né esisterà.

Per citare una di queste élites eco-marxiste delle Nazioni Unite:

“Non è forse l’unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate collassino? Non fa parte delle nostre responsabilità fare in modo che tutto questo accada?”

Questa citazione fa parte della dichiarazione di Maurice Strong all’apertura del ‘Summit della Terra’ del 1992 a Rio de Janeiro. In forza alla carica di primo direttore esecutivo del Programma Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP).

 

 

Parte 1 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 1/7

 

Parte 2 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 2/7

 

Parte 3 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 3/7

 

Parte 4 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 4/7

 

Parte 5 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 5/7

 

Parte 6 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 6/7

 

Parte 7 Agenda 21 – Dietro la Maschera Verde – Rosa Koire 7/7

Yuri Bezmenov, ex agente del KGB ed esperto di sovversione ideologica:

“Una persona che è demoralizzata non è in grado di valutare la vera informazione”

Sotto, un paio di fonti che indicano la vera agenda eco-marxista (propriamente denominata “Agenda 21“):

“L’ambientalismo dovrà essere considerato allo stesso livello come la religione” – cioè come unica, convincente narrativa fondata sul valore disponibile per l’umanità – “secondo un articolo scritto nel 2007 per influenzare la futura strategia del Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP), che aspira l’ambientalismo essere come il cane da guardia del mondo.”

Desidero inserire qui sotto un video esplicativo: di come le nazioni vengono demoralizzate e dominate causa le utopistiche sovversioni ideologiche.

ESTRATTO con sottotitoli in italiano:

INTEGRALE: Former KGB Agent Yuri Bezmenov Explains How to Brainwash a Nation

Chissà se il lettore – quelli giunti fin qui, nel caso ci fossero – sarà scappato o lo avrà guardato? Questo è esattamente ciò che sta accadendo con la truffa del riscaldamento globale antropogenico .

Troppe sono le persone profondamente demoralizzate affinché si inizi a valutare le vere informazioni su socialismo, comunismo e “cambiamento climatico“, tanto da consentirne l’uso ad altri “ordini del giorno” nelle mani degli utili idioti “della sinistra”, come l’ex agente del KGB, Yuri Bezmenov li definisce.

Comunismo ambientale (ecocomunismo) è la nuova idea contorta ed utopista della redistribuzione della ricchezza attraverso politiche “ambientali” e la Conferenza sul cambiamento climatico di Copenaghen del 2009, ne è la sua perfetta manifestazione.

Giustizia ambientale è la nuova giustizia sociale;

Debito climatico è la nuova redistribuzione della ricchezza;

La truffa del riscaldamento globale antropogenico è il comunismo.

Sotto la bozza del trattato di Copenaghen, i paesi sviluppati dovrebbero finanziare energia pulita nei paesi in via di sviluppo: questo si potrebbe tradurre in un trasferimento annuale di circa €100MLD all’anno entro il 2020. Un buon business che si cela dietro al velo – come al solito – della falsa filantropia.

Per chi volesse approfondire, si rimanda alla lettura degli obiettivi comunisti scioccanti del 1963 (http://www.uhuh.com/nwo/communism/comgoals.htm). Obiettivi che si stanno già attuando e che sono stati discussi nel 2009 al Copenhagen Climate Change.

Barak Obama ha ricevuto il premio Nobel per la Pace esattamente per la stessa ragione per cui l’hanno insignito ad Al Gore. Il premio è stato consegnato da Thorbjørn Jagland, presidente del Comitato per il Nobel che fu anche il Vice Presidente dell’Internazionale socialista. Si può ritenere che stiano spingendo un programma globale di ecocomunismo o di ecomarxismo, il quale costringerà l’Europa e gli Stati Uniti a soddisfare l’agenda globale ecomarxista.

L’obiettivo finale è quello di “punire” i paesi europei (Stati Uniti inclusi) per il loro capitalismo e successo.

L’agenda marxista del Climate Change Conference del 2009, fu quella di discutere l’idea totalitaria del governo mondiale, il trasferimento delle ricchezze dai paesi occidentali verso i paesi del terzo mondo: quello che chiamano “debito climatico” perché i paesi occidentali – presumibilmente – stanno bruciando il CO2 che il terzo mondo non ha! Follia.

Mi piacerebbe conoscere quanti siano stati nei paesi del “terzo mondo” e se avessero mai provato a respirare in quei luoghi, ultimamente. E’ un dato di fatto che i paesi sviluppati siano di gran lunga meno inquinanti rispetto ai paesi in via di sviluppo, dove – in realtà – le persone stanno morendo per varie forme d’inquinamento.

Trasferimento di ricchezza” ai paesi del terzo mondo, sotto un governo mondiale non eletto, ai paesi che sono per lo più governati dai governanti autocratici – aiuterà soltanto la sostenibilità di dittatura, inquinamento e fascismo. Oltre a drammi ulteriori per i cittadini (vedi suicidi) che vivono sotto questo tipo di regime, sostenendo finanziariamente i loro dittatori che altrimenti crollerebbero da questa loro riprovevole condotta.

Lo scopo di tutta questa grande utopia (trattasi di “cospirazione“) è quello di aiutare la sostenibilità del terzo mondo comunista, socialista e dittatoriale per salvare le forme sinistroidi di governo, indebolendo il capitalismo con quello che loro chiamano “debito climatico“. Tale fu la corrente di pensiero marxista.

Oggi – attraverso pseudomovimenti  ecologisti/naturisti messi su dal sistema stesso, gettando fumo agli occhi delle masse ignare e credulone – si lavora per favorire movimenti e spostamenti geopolitici di massa.

Potremo dare al comunismo tutti i nuovi colori che vogliamo, ma il fascismo avrà sempre la stessa identica faccia.

ClimaGate - Come fu scoperta la cospirazione

Un giovedi del 19 novembre 2009, iniziò a circolare una notizia su comunicazioni e documenti violati presso la University of East Anglia’s Hadley Climate Research Unit (aka CRU), i quali furono pubblicati su Internet.

L’informazione rivelava come molti scienziati cospirarono per falsificare i dati a fronte di in calo delle temperature globali, al fine di sostenere la premessa che i fattori artificiali stavano guidando il cambiamento climatico.

Documenti ed emails illustravano come insigni climatologi – affiliati al International Panel on Climate Change delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici – avevano intrapreso una velenosa campagna ed avevano coordinato il tutto per ostracizzare gli scettici del clima, usando la loro influenza per redigere rapporti di dissenso che facevano apparire sui giornali peer-reviewed. Così come altri clientelismi al fine di evitare richieste da parte del Freedom of Information Act.

Sempre per chi volesse approfondire, sotto si inserisce un compendio di articoli e video su quello che fu subito definito come “ClimateGate“.

Un piccolo suggerimento prima di chiudere l’articolo:

Non credete mai a tutto ciò che sentite o vedete. Non siate mai troppo superficiali e chiedetevi per ogni cosa “Perché?” “Per quale scopo?” “Per quale fine?” – Queste domande aiuteranno il ragionamento, sosterranno meglio il riconoscimento delle forme più comuni di fallacie logiche.– Compiendo questi elementari esercizi logici, sorreggerete il mondo. Aiuterete TUTTI.

Pensateci. Basta leggere la visione futuristica voluta da certi personaggi (qui sotto)…

FONTI:

1. http://www.foxnews.com/projects/pdf/113009_IISDreport.pdf
2. http://www.europa-eu-un.org/articles/en/article_8975_en.htm
3. http://www.prisonplanet.com/climate-bombshell-hacker-leaks-thousands-of-emails-showing-conspiracy-to-hide-the-realdata-on-manmade-climate-change.html
4. http://www.prisonplanet.com/climategate-the-final-nail-in-the-coffin-of-anthropogenic-global-warming.html
5. http://www.prisonplanet.com/hacked-e-mails-climate-scientists-discuss-hiding-decline-in-temperatures.html
6. http://www.prisonplanet.com/mike%E2%80%99s-nature-trick.html
7. http://www.prisonplanet.com/mcintyre-the-deleted-data-from-the-%e2%80%9chide-the-decline%e2%80%9d-trick.html
8. http://www.prisonplanet.com/hide-the-decline-climategate.html
9. http://www.prisonplanet.com/bishop-hill%E2%80%99s-compendium-of-cru-email-issues.html
Tutto ciò che devi sapere su Agenda 21 : http://www.gamerlandia.net/category/audiolibri/agenda-21-audiolibri/

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Videos



Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: