Pubblicato: martedì, 26 marzo 2013

Ascolto i Suggerimenti di Cipro: Svuoto il Conto Bancario prima che lo Facciano Loro

Condividi
Tags

European House of Representative ha deciso di discutere un disegno di legge che imporrebbe il salvataggio di Cipro dell’Eurogruppo.

Questo disegno di legge riguarda i conti di risparmio ciprioti che verrebbero dirottati direttamente ai tecnocrati per contribuire a pagare il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca centrale europea (BCE) per €5,8MLD che sono stati dati alla nazione per salvarli dalla rovina finanziaria.

Questo schema è stato promosso dal Presidente di Cipro, mentre la House of Representatives ha chiesto alcune modifiche al disegno di legge elaborato.slavescipro

La tassa sui depositi è stata ideata dal FMI e BCE sifonando i soldi fuori dai conti dei clienti privati​​.

Il messaggio di fondo è che Cipro non avrebbe alcuna chance nel recuperare – senza il piano di salvataggio ed il conseguente furto dei fondi dei clienti – e sostituire il prestito del FMI.

Le banche hanno chiuso i battenti, rifiutando ai clienti la possibilità di prendere i loro soldi dai loro conti. Gli ATM  – o Bancomat – hanno cominciato a funzionare a secco, lasciando molti clienti vittime del furto dei loro sudati risparmi da parte dei tecnocrati.

Le banche stanno servendo le parti interessate e gli investitori, negando ai clienti il diritto di estrarre il loro denaro depositato. Gli investitori dicono che la corsa agli sportelli non durerà a lungo e – sperano – che questa “mossa senza precedenti” finisca, dopo il panico diffuso iniziale.

I tecnocrati si stanno convincendo di fare dichiarazioni pubbliche che assicurino a tutti che, questo esempio, non sia la norma – ma la realtà è che questo ‘esperimento’ sarà molto probabilmente un nuovo standard in caso di successo.

Mohamed El-Erian, amministratore delegato della società di investimento Pimco, ha commentato: “In Europa, [il piano di salvataggio di Cipro], potrebbe compromettere il recente e tranquillo comportamento dei depositanti e dei creditori, in altre economie vulnerabili europee – in particolare Grecia, Italia, Portogallo e Spagna“.

La distruzione di Cipro è considerata una situazione “unica“, mentre gli investitori stanno a guardare come il piano di salvataggio provochi la rovina finanziaria per i cittadini della nazione.

Secondo Joerg Kraemer, capo economista della Commerzbank tedesca: “Un’aliquota fiscale del 15% delle attività finanziarie sarebbe probabilmente sufficiente a spingere il debito del governo italiano al di sotto del livello critico del 100% del prodotto interno lordo”. (ATTENZIONE, miei cari concittadini!, ndr)

Kraemer è stato in grado di prelevare il suo denaro dai suoi conti privati ​​di risparmio, prima che la stessa situazione si verifichi in Italia.

La diffusione della tassa ai cittadini che depositano i soldi alle banche – restituendo i soldi in prestito per il salvataggio – è  stata leggermente modificata per ogni depositante ad un 6,75% per depositi inferiori ai €100.000 e quelli oltre tale importo al 9,9%. Ai piccoli risparmiatori, con un massimo di € 100.000, la tassa è del 3%; per i risparmiatori dai €100.000 ai €500.000 al 10% e per quelli con più di €500.000 al 15%.

I tradizionali mainstream, sostengono che questa modifica abbia lo scopo di “alleviare il dolore del contratto di salvataggio” che è stato imposto al popolo di Cipro dai terroristi tecnocratici finanziari.

Fonti anonime affermano che “il paese sta rimuginando una tassa senza soglia sui prelievi del deposito bancario per i piccoli depositi“.

Joerg Assmussen, membro del consiglio della BCE, ha affermato che – nel corso di una conferenza – il governo di Cipro ha fatto la scelta di una strutturazione di una tassa sui depositi, allo scopo di ripagare i tecnocrati dei €5,8MLD per il salvataggio. Sembra che tutti si puntino il dito l’uno contro l’altro, mentre sono proprio i cittadini di Cipro a patirne le conseguenze.

Il presidente russo Vladimir Putin denuncia la tassa sui depositi. Dimitry Peskov, portavoce del Cremlino trasmette: “Mentre si valutano le proposte di prelievo supplementare sui conti bancari a Cipro, Putin ha detto che una decisione del genere, se fosse decisa, sarebbe ingiusta, poco professionale e pericolosa.”

Al governo russo, è chiaro che questa tassa abbia il solo scopo di punire il popolo di Cipro per i rapporti dei tecnocrati che obbligano un falso debito da tramandare ai cittadini sovrani.

Nel 2012, le banche russe hanno depositato $12MLD nelle banche cipriote, con altri depositi per $19MLD eseguiti su conti aziendali. Anche se questo importo è il doppio del salvataggio cipriota, è evidente che tali fondi verrebbero “sifonati per bene attraverso l’imposta sui depositi.

Il fatto resta che – al popolo di Cipro – sia stato rubato il danaro, semplicemente effettuando un deposito in una banca. Indipendentemente dalla copertura assicurativa della versione cipriota della FDIC. Perché il governo ha accettato un piano di salvataggio del FMI, il ben progettato sistema che reindirizza il denaro nelle casse dei ministri delle finanze della zona euro.

Al di là del concetto di una tassa sul patrimonio, questo “prelievo” punisce i cittadini per avere un conto in banca. A breve termine, questo significherà una corsa agli sportelli (lo avevo già scritto circa 9 mesi fa, ndr). A lungo termine, tutto questo potrebbe avere conseguenze clamorose sia per il governo cipriota corrente sia per il popolo.

I ministri delle Finanze della Grecia stanno dicendo che questa sia una situazione “unica” e che non ci si debba “preoccupare“. Dicono che siano dei segnali di pericolo imposto e che non si debbano prendere in considerazione.

L’assicurazione sui depositi governativi, può diventare solvente come lo può diventare una società. E, infatti, l’assicurazione sui depositi sembra essere un semplice schema per consentire la fiducia tra i cittadini ed il governo, come mediatore tra loro e gli istituti bancari.

Tuttavia, quando arriva il momento di raccogliere, il governo alza semplicemente le proverbiali spalle e denigra i finanziamenti inadeguati da sostituire con i depositi della clientela. Per mitigare i danni, le banche hanno imposto delle restrizioni sui prelievi con il bancomat.

Senza dubbio, il FMI e la BCE hanno rubato il denaro privato dei cittadini ciprioti con la benedizione del governo di Cipro e senza la necessità di una normativa per legittimare le loro azioni.

In buona sostanza, il messaggio al popolo di Cipro è che un conto in banca è soggetto ai tecnocrati in qualsiasi momento. I fondi del conto corrente sono di proprietà privata della banca, indipendentemente dal cliente che ha fornito il denaro. E, alla fine, il governo può consegnarli a chi ne deterrà i diritti, senza autorizzazione legale.

Bene. Mi fermo. Ognuno ne tragga le conclusioni.

<< Non credo che i cittadini abbiano bisogno delle banche, ma sono le banche ad aver bisogno di Loro >>. Quando ognuno comprenderà il valore di questa frase, vivrà meglio.

Meditate.

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Please insert the signs in the image:

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Videos

Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: