Pubblicato: domenica, 11 Novembre 2012

No Austerity: è Ostia che ce lo Chiede!

Condividi
Assemblea cittadina verso  il 14 Novembre. Appuntamento Martedì 13 Novembre Ore 17.30 presso il liceo Enriques Occupato. Join the invasion.

Enriques Occupato – Lo sciopero generale europeo del 14 Novembre arriva in Italia con il ritardo e l’arretratezza di una Cgil totalmente scollegata dalla società in piena crisi. Lo sciopericchio di quattro ore, del tutto inefficace per la gravità della situazione, è molto lontano dall’essere uno spazio che abbia la dimensione degli scioperi di Grecia, Spagna e Portogallo.

Ad Ostia segnaliamo l’atteggiamento intimidatorio di una parte dei professori e dei dirigenti scolastici legati alla Cgil. E’ emblematico come gli attacchi più pesanti verso le occupazioni vengano proprio dal sindacato, colpevole di avere una visione limitata ai propri interessi di categoria. Non esiste legalità che tenga in una scuola che si regge sulla deroga.

Ma la “Gioventù lidense” non ha ceduto al ricatto e ha preso in mano sette edifici scolastici, esprimendo una potenza inaspettata. Gli studenti e le studentesse del tredicesimo municipio di Roma hanno coscienza che il proprio futuro è messo in discussione dalle misure di austerity volute dall’europa delle banche e dal governo Monti.

Disoccupazione e cassa integrazione hanno fatto sì che la solidarietà verso questa ondata di proteste lidensi fosse direttamente un terreno di confronto e attivazione. Non è solo l’europa che ci chiede di tornare in piazza, sono anche le periferie delle metropoli a lanciare delle indicazioni molto chiare. Saremo pronti a raccogliere queste indicazioni?

Partendo da queste considerazioni invitiamo il mondo del lavoro e le realtà territoriali a confrontarsi all’interno del quartier generale degli studenti di Ostia, L’Enriques Occupato.

In queste due settimane di autorganizzazione e di occupazione, abbiamo sperimentato nuove forme di socialità, stravolgendo la dimensione carceraria della scuola pubblica, trasformando viale dei Promontori in un grande spazio sociale per i giovani di tutto il territorio.

Non verranno accettate nessun tipo di misure repressive nei confronti di chi ha giustamente occupato le proprie scuole, rivendicando il diritto ad una formazione di qualità. Toccare un solo studente, significherà toccare un intero territorio in mobilitazione. La “Gioventù lidense” non si argina.

Enriques Occupato (Ostia, Roma)

Usa HT su Twitter: #14N oppure #14nRiseUp

SEGUI: @italiadeidolori

RESPIRA ITALIA

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Videos



Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: