Pubblicato: giovedì, 20 settembre 2012

Il Dipartimento di Stato dei Veterani afferma: la Terza Guerra Mondiale inizierà dal 25 Settembre

Condividi

Parlando con Alex Jones di Infowars, l’ex Vice Assistente Segretario di Stato dottor Steve Pieczenik dice che Israele ha intenzione di attaccare l’Iran prima delle elezioni statunitensi del 6 novembre e che – secondo lui – l’attacco contro l’Iran sarà sicuramente il calcio d’inizio della Terza Guerra Mondiale.

Inoltre, Pieczenik – un uomo la cui carriera ha ispirato il personaggio di Jack Ryan della serie di libri di Tom Clancy – dice  che ‘October Surprise’ non avrà luogo nel mese di ottobre. Al contrario, la grande sorpresa arriverà prima: alla fine di settembre.

Il dottor Pieczenik dice la data specifica dello strike contro l’Iran: sarà il 25 o 26 settembre. Yom Kippur la festa ebraica che inizia nel 2012: al tramonto del 25 per terminare al calar della notte, il giorno seguente.

L’attacco israeliano contro l’Iran potrebbe essere anteriore al mese di ottobre perché abbiamo Yom Kippur. Lo avevo previsto sul tuo programma radiofonico, come avevo previsto anche la sicurezza nazionale della nostra gente – in privato – che Benjamin Bibi Netanyahu inizierebbe a far qualcosa su Rosh Hashanah“, dice Pieczenick.

Questa previsione fu fatta più di un anno fa e la dissi nel tuo programma radiofonico. Lui era prevedibile come un orologio e gli israeliani saranno molto prevedibili su Yom Kippur“, aggiunge.

Pieczenik dice che è chiaro per lui che il primo ministro israeliano Bibi Netanyahu abbia già pianificato l’attacco all’Iran ed abbia cercato disperatamente di arruolare gli Stati Uniti per sostenerlo.

Ma – con o senza l’aiuto diretto degli Stati Uniti – Pieczenik è certo che Israele attaccherà l’Iran. Inoltre, dice che Netanyahu è un estremista, che “mentirà” per realizzare la sua causa personale ed egoista: una conclusione raggiunta anche da molti israeliani che protestano il suo regime. “Qualcunque cosa Bibi stia dicendo agli americani ed agli ebrei americani è assoluto, un’assoluta bugia”. Pieczenik, lui stesso un ebreo, dice con forza:

Quello che abbiamo qui, è una collusione tra l’Arabia Saudita, gli ebrei neoconservatori d’America e d’Israele nei confronti di un presidente che – piaccia o meno – potrebbe aver mentito su Osama Bin Laden“. Ed aggiunge: “Obama è il figlio. . . un figlio di una CIA operativa, il nipote di una CIA operativa, che capisce molto bene quali siano i problemi di intelligence“.

Con l’aiuto dei suoi amici neoconservatori, Netanyahu minaccia il mondo intero con l’idea suicida che l’Iran deve essere attaccato ed il primo ministro israeliano deve essere fermato anche e perfino ricorrendo all’assassinio, secondo Pieczenik.

Tra un paio di settimane, [Israele, Arabia e neoconservatori] cercheranno di iniziare un’altra guerra, a meno che i loro ex-Mossad operativi ed i loro ex-Shin Bet si tireranno fuori da Netanyahu per fare ciò che è successo a Rabin“, esclama Pieczenik.

Loro sanno di cosa sto parlando. In caso contrario, porterà verso il basso Israele, il mondo e ci sarà una terza guerra mondiale“.

Dice anche: “Quel che noi siamo, siamo sull’orlo di una guerra provocata da due grandi paesi. Vale a dire, Israele. In particolare Bibi Netanyahu che sa bene che il suo paese sta fallendo economicamente, socialmente, politicamente. E l’altro paese è << l’Arabia Saudita>>“.

Pieczenik dice che israeliani, sauditi e neoconservatori erano dietro gli attacchi del 9-11: un’accusa fatta anche – alcuni anni orsono – da molti ricercatori dell’incidente. Una volta considerata un’idea folle trasmessa da alcuni “teorici della cospirazione“, quelli che cercano di vedere un complotto in ogni evento importante del mondo. I teorici della cospirazione sono stati per lo più diffamati nonostante nessuna nuova inchiesta relativa all’incidente del 9-11 sia stata seriamente proposta da un membro del Congresso.

Oggi, la ‘teoria del complotto’ o la teoria ‘inside job’, sembrano essere molto, ma molto più vicine ai ‘fatti‘ che il racconto di quel giorno erano stati pubblicati attraverso il rapporto ufficiale del Congresso del 9-11, dando luogo ad una forte possibilità di un complotto del Mossad, Arabia e neoconservatori per un attacco false-flag contro gli Stati Uniti, dando la colpa del delitto ad Osama bin Laden, Iraq ed Afghanistan. Dando prova del passato sul coinvolgimento del Mossad circa l’attacco alla USS Liberty l’8 giugno 1967, uccidendo 34 soldati americani. I commenti di Pieczenik non sono certo una gran sorpresa per molti americani.

Voglio che Netanyahu inizi a dire la verità sul coinvolgimento di Israele circa i fatti del 9-11“, dice Pieczenik.

Sono stati trovati più di 134 agenti del Mossad, nel 9-11. L’FBI li presero e li interrogarono. Erano chiaramente coinvolti con l’ISI pakistano e l’intelligence dell’Arabia Saudita. E – per quanto riguarda l’ambasciatore americano in Libia Christopher Steven è stato ucciso da israeliani, Arabia Saudita e dai sionisti neocon della cabala“, secondo Pieczenik.

L’uccisione dell’ambasciatore è precipitata in guerra, in modo tale che Israele potesse finalmente entrare in Iran, cercando di distruggerla“, dice.

Sarà l’inizio della fine di Israele. Sarà l’Armageddon per Israele, se attaccherà l’Iran“.

La fonte del Pentagono mi ha informato circa la distanza tra l’ambasciata libica – dove l’ambasciatore è stato ucciso – e tra la posizione di dov’erano i rivoltosi.  Era enorme e ci sono stati due giorni di ritardo nella risposta… Il motivo è semplicemente che – gli assassini di Stevens e di tre altri dipendenti dell’ambasciata – erano professionisti pronti a prendere il nostro ambasciatore“, aggiunge. “Tutto con l’approvazione dell’Arabia Saudita.

Aggiungendo il coinvolgimento dell’Arabia Saudita dei due piani del lavoro di demolizione a New York City, del crollo di un altro aereo presunto contro il Pentagono e dell’abbattimento presunto di un altro aereo nei boschi della Pennsylvania – dice – <<Arabia Saudita e Israele sono gemelle…>>.  Non c’è alcun modo possibile di separare Israele da Arabia Saudita o da Arabia Saudita ad Israele. Risalgono fino ai fatti del 9-11 “.

Poi il tema dell’uccisione della mente presunta del 9-11, Osama bin Laden. Secondo Pieczenik, il racconto di Navy Seal ammiraglio William McRaven e il Presidente Obama per quanto riguarda la morte di bin Laden in Pakistan, è un’altra “bugia” assoluta.

Poi si arriva alla questione di Osama Bin Laden, la quale Obama ha detto in modo non corretto e ha mentito al pubblico sul fatto che Osama Bin Laden sia stato ucciso da Seal Team 6“, afferma Pieczenik.

L’ammiraglio McRaven aveva mentito – ripetutamente, purtroppo – un ammiraglio decente, ma che per un qualche motivo insisteva ripetutamente nel che Seal Team 6 uccise Osama Bin Laden“.

Pieczenik dice che Bin Laden era già morto e che McRaven lo aveva saputo, assieme ai nomi che saltarono fuori in un’indagine non ufficilale sul 9-11, quello che Pieczenik chiama come “neocon chicken hawks” di “Paul Wolfowitz, Elliot Abrams e Michael Chertoff“. Ed aggiunge: “Chernoff, il Gruppo Chernoff – che non è altro che una copertura per la CIA e l’FBI, gestito da Charles Allen, un ex agente della stessa CIA“. Inoltre, l’intelligence USA era dietro la rivolta in Libia, l’assassinio del presidente libico Muammar al-Gheddafi e l’omicidio dell’ambasciatore degli Stati Uniti in Libia Christopher Stevens, secondo Pieczenik. “Perché questo ambasciatore particolare“, chiede retoricamente Pieczenik. “Penso che sia molto importante per il pubblico, capire… Stevens era un arabista…“.

E continua a spiegare agli ascoltatori di Infowars che i cosiddetti ‘arabisti‘ sono esperti di cultura, lingua e storia araba. Ma questi professionisti del Dipartimento di Stato potrebbero anche rappresentare una minaccia per la guerra di propaganda in corso, di Israele in una lunga tradizione di impegno proprio per suscitare simpatia per lo stato ebraico.

Israele non è amico dell’America, secondo Pieczenik. Egli dice: “Da un punto di vista geopolitico, Israele è una responsabilità strategica ed è stato una passività strategica per oltre 20 anni. Dal 1968, non abbiamo avuto bisogno di Israele a parte il fatto che ci copre dall’Unione Sovietica sul versante orientale, meridionale e settentrionale“.

Attualmente, Israele è impegnata in una vera e propria campagna di “propaganda di provocazione“, secondo Pieczenik. Con l’istintiva accusa di Netanyahu nel coinvolgimento iraniano dell’esplosione di un bus turistico in Bulgaria: questo è l’esempio più recente e clamoroso. L’incidente della bomba sul bus bulgaro è ancora oggetto di indagine. Ma l’amministrazione Obama non demorde nell’esser coinvolta in un’altra guerra impopolare dopo i fallimenti, crimini di guerra e bugie che circondano l’attacco all’Iraq ed all’Afghanistan da parte dell’amministrazione Bush.

Netanyahu non ha idea che Petreus non lo salverà, Dempsey non lo salverà, la nostra Marina non lo salverà: come non lo salverà McRaven né la volontà di Obama“, afferma Pieczenik.

Non può comportarsi diversamente, quindi sta spingendo tutto questo fino ad arrivare all’uccisione di uno dei nostri ambasciatori, precipitandosi in quello che noi chiamiamo ‘propaganda di provocazione’, con la sola approvazione dell’Arabia Saudita.”

Yom Kippur cade nelle date 25 e 26 settembre.

Guarda in quelle date, dice Pieczenik.

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Please insert the signs in the image:

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Videos

Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: