Pubblicato: sabato, 15 settembre 2012

Preparatevi ad una valanga Epica di Valuta Fiat. Già. Proprio con il Vostro amato EURO!

Condividi

Che cos’è che rende così follemente autodistruttivi i keynesiani? E’ la loro fede cieca nel potere del governo? La loro sfortunata ignoranza del meccanismo di stimolo monetario? La loro pomposa autogiustizia derivata da anni di idiozia intellettuale?

A dire il vero, ho il sospetto che tutti questi fattori – in realtà – abbiano un ruolo.

Inutile dire che molti di loro credono veramente che la strategia di iniezione fiat sia fattibile anche se – anni di applicazione si sono rivelati assolutamente inutili. Chiunque abbia un minimo di buon senso, dovrebbe iniziare a mettere in discussione quel tipo di follia che si ha nel perseguire o difendere la mentalità della privata Federal Reserve Bank… tanto quanto della privata BCE.

L’allentamento quantitativo ha dimostrato di essere impotente per il miglioramento della situazione economica degli Stati Uniti e dell’Europa. Nonostante gli anni nel regno di punizione nella banca centrale, l’occupazione rimane triste, il mercato immobiliare continua la sua caduta libera assieme al turbinio del debito (TRUFFA) nazionale come fosse un vortice al centro del Triangolo delle Bermuda.

Nonostante questo misero fallimento della teoria keynesiana, la Federal Reserve con la BCE stanno tentando ancora una volta di convincere: andiamo avanti cari cittadini che – in qualche modo – questa volta, tutto sarà “diverso“. Una presa per il culo notevole. Non c’è che dire.

Purtroppo, come ho già avuto modo di discutere nei mesi passati, non solo ha la Fed e la BCE hanno annunciato un nuovo ed ILLIMITATO ciclo delle misure di crescita, ma la Banca centrale europea (BCE) ha messo a punto i propri bonds con l’acquisizione gratuita per tutti:

http://www.alt-market.com/articles/954-has-the-perfect-moment-to-kill-the-dollar-arrived

Avevo già previsto programmi paralleli (QE) da parte delle due banche centrali perché avevano perfettamente senso per quelli dalle intenzioni diaboliche. Con l’ingegneria della svalutazione della moneta che è nel pieno svolgimento in Europa e negli Stati Uniti, l’implosione delle due valute – specialmente il dollaro – sarà mascherata. Vale a dire, l’indice del dollaro è misurato in gran parte rispetto alla forza relativa degli Euro. Se l’euro cade attraverso la stampa manifesta, il dollaro apparirà più forte di quanto non lo sia in realtà: ingannando l’opinione pubblica e dando ai banchieri più tempo per gonfiare il tutto.

La Corte di giustizia costituzionale tedesca di Karlsruhe, un solo giorno prima del QE3, ha annunciato la sua decisione di sostenere il fondo di salvataggio dell’eurozona (MES / ESM). Cosa che il popolo tedesco, assieme ad una gran parte del suo governo – si oppone con veemenza.

Questa azione è stata preceduta da una sorta di “avvertimenti” da parte degli addetti bancari tra cui lo stesso Nosferatu (George Soros) che l’Unione europea sarebbe stata mandata in perdizione e nel totale caos economico, se la nazione non si fosse inchinata alla BCE e non avesse consegnato il suo motore PIL per “bene dell’unione” e del mondo:

http://www.nytimes.com/2012/09/14/world/europe/14iht-letter14.html?_r=0

http://www.bloomberg.com/news/2012-09-11/germany-s-currency-nostalgia-is-badly-off-the-mark.html

Suona familiare? Questo è esattamente quello che gli americani hanno detto di fronte a loro rating dell’80% di disapprovazione contro il piano di salvataggio bonanza. Cambiano i nomi, ma la situazione USA/EU marcia in parallelo!

La risposta da parte delle élite sia in Germania sia degli Stati Uniti è essenzialmente che la gente “non sa cosa sia meglio” e che dovrebbe star seduta mentre i cosiddetti “esperti” – quelli che ci rovinano – “prendono tutto proprio a partire da qui”.

Ancora una volta, i mainstream principali suggeriranno che la nuova manovra di crescita non sarà un problema e che – l’allentamento quantitativo illimitato delle banche centrali di tutto il mondo – dovrebbe diventare uno standard. In realtà, hanno già iniziato la campagna di propaganda. A quanto pare, MES/ESM e QE3 ci salverà tutti. Ricchi e poveri:

http://www.bloomberg.com/news/2012-09-13/with-qe3-we-all-win-poor-and-rich-alike.html

Queste sono le riflessioni tipiche dei fautori bancari centralizzati. Ma dov’è la precedenza storica delle loro teorie? Dove sono i benefici delle ultime “manovre di crescita”?

Tutto quello che abbiamo ricevuto finora è la schiavitù del debito TRUFFA futuro per noi stessi e per i nostri figli: Tasso di disoccupazione permanentemente alto: non c’è stato alcun progresso nel mondo del lavoro per merito di alcuna “manovra” o “taglio”. Le percentuali ufficiali relative la disoccupazione sono in caduta libera.

La reale disoccupazione continua ad oscillare intorno al 20-25%. Questo per quanto riguarda la “creazione di posti di lavoro” che sia l’amministrazione Berlusconi che quella di Monti ha promesso a seguito dei “salvataggi” (ma quanto mi sta sulle balle questo termine stile “illuminati”).

Un Buco Nero nel mercato immobiliare

Abbiamo bisogno di dire qualcosa a proposito del mercato immobiliare? Non è palesemente chiaro – o quasi – che ogni casa di questo paese non ha cambiato nulla in termini di tutela del suo valore o sulla capacità di vendita? Ottenere un prestito è diventato forse più facile dal 2008? Analisti alternativi affermano che per i prossimi 4 anni i mercati immobiliari continueranno a bloccarsi nonostante tutti gli sforzi (reali o fraudolenti) da parte della BCE. Avevo ragione. Le punte massime dei media mainstream erano sbagliate. Aumentandole…

Disintegrazione della domanda globale

La produzione economica di quasi tutti i paesi è fallita: dall’Europa, agli Stati Uniti, alla Cina. Il Baltic Dry Index, un indicatore puro di domanda ed offerta con le tariffe di spedizione nella media, è stato colpito da minimi incredibili nel 2008.

Tuttavia, il crollo comprende tutti i settori! Nel gennaio del 2012, si sono avuti i minimi storici e si continua a camminare verso questo percorso. Possiamo assistere ad un crollo ancora maggiore della domanda ed i mercati sono a portata di mano. La domanda guida l’economia. Periodo. Nessuna domanda, niente economia. Domande tangibili non si possono fabbricare. Non si è fatto NULLA per i piccoli risparmiatori. Anzi! Conseguentemente, non possono esser invogliati a spendere.

Il pubblico si è rotto le palle. Tutti noi continuiamo a rompercele e ce le romperemo ancor più domani.

Un debito pubblico insostenibile

Il nostro debito “ufficiale” nazionale nel 2008 è stato di circa di 10 trilioni. Quattro anni più tardi, abbiamo superato i 16.000 miliardi. Questo – ovviamente – non include i debiti in essere su programmi a lungo termine, titolarità e nuovi programmi come le manovre Monti, che – secondo alcune stime – porteranno il nostro debito TRUFFA nazionale a circa 120.000 miliardi:

Credendo alle parole ed alle statistiche del governo o meno, la linea di fondo è che – per lo meno – il nostro debito TRUFFA nazionale andrà AUMENTANDO del 60% in soli quattro anni!

Ora, la BCE privata vorrà introdurre stimoli illimitati – al top di Operation Twist – e l’incredibile denaro brucerà le abitudini del nostro attuale governo? I keynesiani sono davvero tanto sciocchi da pensare che la generazione di tali passività di massa – in qualche modo – andrà ad annullare gli effetti invalidanti di un già debilitante debito? Risposta: .

Inflazione nelle necessità

I prezzi del cibo e dell’energia rimangono dolorosamente alti e sono tutt’ora in fase di aumento ben oltre la capacità economica reale della persona. Il petrolio in particolare è rimasto pressoché statico: poco superiore ai 100 dollari al barile (Brent). Questo è stato attribuito a numerosi capri espiatori, dalle turbolenze in Medio Oriente alla mera “speculazione“. Personalmente, le azioni che noto crearsi su TWITTER come lo “sciopero del rifornimento carburante della durata di 15 giorni” da parte dei cittadini, mi fa sorridere. La gente non conosce il background della situazione. E questa è davvero una cosa molto grave.

Tuttavia – a lungo termine – i prezzi elevati dimostrano come nessuna di queste spiegazioni sia pienamente sufficiente. In realtà, la svalutazione della moneta unica consente tale reazione costante e coerente inflazionistica delle materie prime. Sfortunatamente, non abbiamo ancora visto il peggio. Le prossime manovre, MES/ESM compreso, faranno schizzare i prezzi alle stelle: dobbiamo dire GRAZIE alla ignoranza e totale incompetenza delle classi politiche. Troppo facile firmare trattati ed accordi completamente SCONOSCIUTI ai più, mettendo i cittadini con le spalle al muro. Potremmo benissimo testimoniare un’iperinflazione stile Weimar nel breve termine. Avevo già scritto un articolo in proposito:

Europa ha parallelismi con la Germania di Weimar dell’ultimo periodo

La Repubblica di Weimar. Europa? Chi è Europa? Mercati? Chi sono i Mercati?

Come ho già scritto in passato, credo proprio che le prossime manovre saranno il colpo di grazia anche per molti detentori stranieri di debito in dollari ed euro. Dopo queste, lo stato di riserva mondiale era già gravemente minacciato. MSM ha praticamente ignorato gli accordi commerciali bilaterali dell’edilizia della Cina fin dal 2010.

Negli ultimi due o tre anni, la Cina ha fatto accordi con Russia, India, Giappone, Corea del Sud, Iran ed il trading bloc ASEAN (la maggior parte delle nazioni del sud-asiatico) che rimuovono il dollaro come valuta di riserva mondiale. E – quest’anno – la Cina ha predisposto un simile accordo bilaterale proprio con la Germania:

http://www.reuters.com/article/2012/08/30/germany-china-yuan-idUSB4E7JG00D20120830

Questi paesi combinati producono un’offerta di almeno il 30% del PIL mondiale e potrebbe facilmente annientare il dollaro se decidessero di scaricare completamente il biglietto verde come riserva mondiale.

Con l’avvento del QE3 e con MES/ESM, questa è ormai una certezza.

L’apertura dell’inflazione è esattamente ciò che ha distrutto Weimar della Germania e – più di recente – lo Zimbabwe. Le banche centrali ed i loro lacchè sosterranno non esserci paragone. Mi permetto di dissentire.

Quando una nazione espande la spesa del debito invece di tagliarla e poi lo monetizza attraverso la stampa fiat al fine di consentire che il debito si vada ad accumulare ancor più, quella nazione non sopravvivere. Quella nazione – in realtà – andrà verso un’iperinflazione, quindi verso il default, poi avrà il crollo totale o si trasformerà in qualcosa di completamente estraneo o si dissolverà completamente dalla storia.

Questo è il futuro di una macabra luce che potremo vedere. Sotto la luce del MES/ESM: la crescita finale ed infinita (in negativo) di questa avventura. Qualcosa dovrà dare e dovrà farlo al più presto.

La mia scommessa, oltre che sul dollaro, è sull’euro…

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Please insert the signs in the image:

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Videos

Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: