Pubblicato: mercoledì, 23 Maggio 2012

Il Commissario Tedesco non esclude l’idea degli Eurobond

Condividi

Il commissario UE tedesco Guenther Oettinger ha dichiarato che non si dovrebbe escludere l’idea degli Eurobond [che il Buddha ce ne guardi e ce ne tenga ben lontani!]: lo ha fatto mercoledì in Germania affrontando la pressione crescente ad abbandonare la sua opposizione a tali strumenti finanziari.

Il mio consiglio a tutte le persone coinvolte, fondamentalmente, sarebbe quello da non escludere gli eurobond“: lo ha dichiarato al quotidiano Handelsblatt business nei commenti pubblicati nella giornata in un vertice dell’Unione europea dove la Francia e altri paesi sono suscettibili delle pressioni di Berlino a cambiare la sua posizione.
Il nuovo presidente francese Francois Hollande sta spingendo sugli Eurobond come la messa in comune del debito dei paesi della zona euro e come soluzione per l’annosa crisi del debito.  Era “una questione di tempo”, afferma Oettinger.

Sempre secondo le affermazioni del Commissario tedesco, gli Eurobond potrebbero essere una “chiave di svolta” per una nuova architettura finanziaria, ma solo quando tutti i paesi della zona euro avranno ratificato un accordo fiscale e saranno ben saldi sulla via di consolidamento.

 

Nel periodo di mercoledi del summit a Bruxelles, la Germania ha inasprito ulteriormente la sua opposizione alle eurobbligazioni [e meno male, aggiungerei].
Questa discussione non è nuova. Pensiamo che sia il modo sbagliato“, lo ha dichiarato una fonte del governo direttamente ai giornalisti, il martedì.
Sempre la stessa fonte dichiara, inoltre: “Questa è una posizione fondamentale e che non cambierà almeno fino a giugno” e cioè fino a  quando i leader europei saranno pronti a tenere il loro prossimo vertice sulla crisi dell’euro.

Anche la Commissione europea è fortemente a favore ed ha presentato proposte di stabilità per le cosiddette obbligazioni, ritenendo così di ridurre gli oneri finanziari per il debito dei paesi colpiti come l’Italia e la Spagna.

Ma la cancelliera Angela Merkel, teme che tutto questo possa far crescere ulteriormente i costi di finanziamento alla Germania e possa ridurre l’incentivo al bilancio dei paesi.

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

You must be Logged in to post comment.

Videos



Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: