Pubblicato: venerdì, 20 aprile 2012

Napolitano e Monti denunciati per attentato alla Costituzione

Condividi

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano? Denunciato. Il premier Mario Monti? Denunciato. I ministri? Denunciati anche loro, assieme a tutti i parlamentari. L’iniziativa è di quelle destinate a far discutere. Paola Musu, avvocato cagliaritano, il 2 aprile si è presentata nella Procura nella sua città e ha denunciato i vertici dello Stato e l’intero Parlamento. I reati citati non sono certo roba di poco conto: attentato contro l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato italiano; associazione sovversiva; attentato contro la Costituzione; usurpazione di potere politico; attentato contro gli organi costituzionali e i diritti del cittadino; cospirazione politica mediante accordo e mediante associazione. Secondo l’avvocato Musu, con l’avvento del governo tecnico si è violato il primo articolo della Costituzione italiana, quello che recita che «la sovranità appartiene al popolo».

Scrive infatti nella sua denuncia: «Contenuto essenziale della sovranità di un popolo è dato dalla propria sovranità in materia di politica monetaria, economica e fiscale […] Svuotare un popolo e la sua sovranità di quello specifico contenuto significa, e comporta, privarlo della sovranità stessa, in quanto lo si priva della facoltà e del potere di determinare il proprio destino ed il proprio stesso “essere”, compromettendone la sua stessa esistenza». Napolitano, Monti e gli altri denunciati avrebbero «consegnato la sovranità del popolo italiano in materia di politica monetaria, economica e fiscale […] e, con essa, la sostanza essenziale ed intangibile della sovranità popolare, nelle mani di organismi esterni alla Repubblica (BCE, SEBC, Commissione), di struttura e composizione prettamente oligarchica e privi di alcun fondamento democratico e, tanto meno, repubblicano e senza che il popolo vi abbia mai manifestato espresso e formale consenso».

Iniziativa coraggiosa, populistica o solo una trovata pubblicitaria? Partita quasi in sordina dalla Sardegna, la «crociata anti-politica» a suon di carte bollate si sta rapidamente diffondendo. C’è già una petizione online e su Facebook sono nati due gruppi a sostegno che contano quasi 9 mila iscritti: in tanti vogliono emulare l’avvocato Musu e presentare la stessa denuncia nelle loro città. C’è persino chi vorrebbe portare la questione davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo. E c’è chi, come il giornalista Paolo Barnard, oltre a dare il suo appoggio precisa che «Giorgio Napolitano, Mario Monti e Mario Draghi sono golpisti da arrestare e processare». Sarà intanto la Procura di Cagliari a stabilire se l’esposto abbia fondamento o vada archiviato.

L’AVVOCATO PAOLA MUSU DENUNCIA LO STATO ITALIANO : VIDEO

Il 2 Aprile 2012 ha sporto denuncia presso la Procura della Repubblica di Cagliari contro il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, il Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Monti, i Ministri del Governo, i Parlamentari per i seguenti reati:

241 codice penale: attentato contro integrità, indipendenza unità dello Stato Italiano

270 cp: associazioni sovversive

283 cp: attentato contro la Costituzione dello Stato Italiano

287 cp: usurpazione di potere politico

289 cp: attentato contro gli organi costituzionali

294 cp: attentato contro i diritti del cittadino

304 cp: cospirazione politica mediante accordo

305 cp: cospirazione politica mediante associazione

PER ULTERIORI AGGIORNAMENTI, vai qui

Note su Autore

admin

-

Leave a comment

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Please insert the signs in the image:

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Videos



Login

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: